LE RILEVAZIONI NAZIONALI DEGLI APPRENDIMENTI

 

Le prove Invalsi devono essere collocate all’interno della valutazione di sistema della scuola italiana. Tale valutazione risponde alle finalità di rendere trasparenti e accessibili all’opinione pubblica informazioni sintetiche sugli aspetti più rilevanti del sistema educativo, e di offrire ai decisori politici ed istituzionali elementi oggettivi per valutare lo stato di salute dell’istruzione e formazione dei nostri giovani.

 

Alcuni aspetti emersi dalle PROVE INVALSI 2017

 

Le rilevazioni INVALSI 2017 hanno coinvolto poco più di 2.232.000 allievi della scuola primaria (classi II e V), della scuola secondaria di primo grado (classe III) e di secondo grado (classe II). Esse riguardano due ambiti di competenza fondamentali: l’Italiano (comprensione della lettura e grammatica) e la Matematica. Ecco gli aspetti più importanti che emergono dai dati delle classi campione:

 

  1. anche quest’anno le prove INVALSI sono state sottoposte a un’attenta verifica tecnica e le domande proposte agli allievi delle scuole italiane rispondono ai migliori requisiti di attendibilità e validità stabiliti a livello nazionale e internazionale;
  2. a livello nazionale si conferma che gli allievi delle scuole italiane riescono a rispondere positivamente alle domande che riguardano i principali traguardi di apprendimento definiti dalle Indicazioni nazionali e dalle Linee guida, anche se permangono considerevoli differenze all’interno del Paese;
  3. la partecipazione alle prove di maggio 2017 è stata altissima, raggiungendo i livelli massimi dall’introduzione delle prove INVALSI;
  4. si conferma una sensibile riduzione dei fenomeni di cheating1 nella prova nazionale (esame di Stato conclusivo del primo ciclo d’istruzione).
  5. anche quest’anno si conferma che gli studenti mostrano più difficoltà ad affrontare testi meno praticati a scuola, come quelli espositivi, argomentativi e discontinui;
  6. è continuato lo sforzo per arricchire le prove di Matematica, dando ampio spazio ai quesiti di tutte le difficoltà, da quelli più facili a quelli di argomentazione e di rappresentazione di strategie risolutive. Si confermano risultati ancora non del tutto soddisfacenti e fortemente differenziati nel Paese;
  7. si conferma quanto osservato negli ultimi anni, ossia gli allievi della scuola primaria partono da livelli di competenza molto simili in tutte le aree del Paese, ma essi tendono a differenziarsi, anche sensibilmente, nei livelli scolastici più elevati;
  8. nel Mezzogiorno la variabilità dei risultati tra scuole e tra classi è molto elevata, anche nel primo ciclo d’istruzione, con un impatto preoccupante sull’equità del sistema educativo di queste aree del Paese. Tuttavia, si osserva una riduzione sensibile della variabilità degli esiti tra le classi nelle regioni del Mezzogiorno, aspetto molto importante per favorire l’equità del sistema scolastico, specie nel suo segmento primario;
  9. con la rilevazione 2017 sono già iniziate le novità introdotte dal recente decreto legislativo 62/2017: l’avvio del passaggio alle prove informatizzate, l’ancoraggio diacronico delle prove e le prove d’inglese.   



*     1 cheating  Insieme di anomalie che alterano gli esiti della prova

 

Allegati:
Scarica questo file (INVALSI .pdf)Risultati I.C. Parco degli Acquedotti[ ]229 kB26-12-2017 08:05